Il capodanno di IoNonCrollo!

 Grazie. È ciò che ci sentiamo di esprimere dopo questo Capodanno.

Grazie intanto all’associazione Pro Camerino che ha condiviso con noi l’organizzazione del Veglione e grazie all’amministrazione comunale che ci ha supportato. Ma un ringraziamento particolare va a tutti quelli che hanno scelto di festeggiare il Capodanno insieme e fare, tutti insieme, questo salto nel 2017. Eravamo oltre cinquecento persone presso i locali che Contram  ci ha messo a disposizione. Con i volontari di IoNonCrollo e della Pro Loro e i tantissimi cittadini, tante famiglie e tanti bambini, sia di Camerino che dei comuni limitrofi hanno voluto festeggiare il nuovo anno anche i Vigili del Fuoco. Una presenza che ha riempito il nostro cuore e quello di tutti i presenti, che da oltre due mesi vivono affianco ai soccorritori e alle forze dell’ordine che stano gestendo con grande professionalità ed umanità l’emergenza e le fasi che ne seguiranno. Un Capodanno fortemente voluto, organizzato grazie all’aiuto di tante persone e di tante aziende che ci hanno dato una grossa mano a far sì che la notte più speciale dell’anno lo fosse anche per chi oggi sta vivendo il dramma lasciato dal terremoto. Un grazie quindi al Ristorante Pizzeria Etoile, Recchioni, Ibalt, Contram, Abaco, Romcaffè, DPM Service, Tiberi Distribuzione, Giampaoli, Edil Caldarelli, La Bottega della Birra, Pandi s.n.c., Ristorante Rocca del Borgia, Pop Cafè, DQuadro Ristorante e Pizzeria. Assieme a loro il nostro ringraziamento va alle associazioni che ci hanno aiutato, Musicamdo, Terziero di Sossanta, Agesci e Free Monkey Events e non da ultimi, agli Old Boys, Music e Passion, che hanno scaldato la notte con la loro musica e  la loro irripetibile energia.

Una festa che ha significato molto di più per la nostra comunità, che ha contrapposto al silenzio che imperversa sulla nostra città la voglia di fare rumore,  di gridare a gran voce che “ci siamo” nonostante tutto, assieme alle comunità che in questo momento stanno attraverso come Camerino la tragicità del terremoto e l’incertezza per il futuro. Al futuro, comunque e sempre, brindiamo! “A questo inizio e ad ogni nuovo inizio che la vita ci porrà di fronte, l’augurio di saper cogliere sempre tutto il bello che c’è”.

 

 

Grazie. È ciò che ci sentiamo di esprimere dopo questo Capodanno. Grazie intanto all’associazione Pro Camerino che ha condiviso con noi l’organizzazione del Veglione e grazie all’amministrazione comunale che ci ha supportato. Ma un ringraziamento particolare va a tutti quelli che hanno scelto di festeggiare il Capodanno insieme e fare, tutti insieme, questo salto nel 2017. Eravamo oltre cinquecento persone presso i locali che Contram  ci ha messo a disposizione. Con i volontari di IoNonCrollo e della Pro Loro e i tantissimi cittadini, tante famiglie e tanti bambini, sia di Camerino che dei comuni limitrofi hanno voluto festeggiare il nuovo anno anche i Vigili del Fuoco. Una presenza che ha riempito il nostro cuore e quello di tutti i presenti, che da oltre due mesi vivono affianco ai soccorritori e alle forze dell’ordine che stano gestendo con grande professionalità ed umanità l’emergenza e le fasi che ne seguiranno. Un Capodanno fortemente voluto, organizzato grazie all’aiuto di tante persone e di tante aziende che ci hanno dato una grossa mano a far sì che la notte più speciale dell’anno lo fosse anche per chi oggi sta vivendo il dramma lasciato dal terremoto. Un grazie quindi al Ristorante Pizzeria Etoile, Recchioni, Ibalt, Contram, Abaco, Romcaffè, DPM Service, Tiberi Distribuzione, Giampaoli, Edil Caldarelli, La Bottega della Birra, Pandi s.n.c., Ristorante Rocca del Borgia, Pop Cafè, DQuadro Ristorante e Pizzeria. Assieme a loro il nostro ringraziamento va alle associazioni che ci hanno aiutato, Musicamdo, Terziero di Sossanta, Agesci e Free Monkey Events e non da ultimi, agli Old Boys, Music e Passion, che hanno scaldato la notte con la loro musica e  la loro irripetibile energia.

Una festa che ha significato molto di più per la nostra comunità, che ha contrapposto al silenzio che imperversa sulla nostra città la voglia di fare rumore,  di gridare a gran voce che “ci siamo” nonostante tutto, assieme alle comunità che in questo momento stanno attraverso come Camerino la tragicità del terremoto e l’incertezza per il futuro. Al futuro, comunque e sempre, brindiamo! “A questo inizio e ad ogni nuovo inizio che la vita ci porrà di fronte, l’augurio di saper cogliere sempre tutto il bello che c’è”.